Donne russe al lavoro, ma lavoro pesante…

Nella mia vita, in Italia, non ho mai visto una donna muratore né tanto meno una donna assunta negli uffici pubblici che si occupano della manutenzione del verde e delle strade. Quando ho visto queste donne al lavoro non ho potuto fare a meno di fotografarle. Operose e professionali. Nessuna di loro ha distolto lo sguardo dai fiori che stava piantando o dalla cornice che stava ritinteggiando. Eppure ero lì a fotografarle, proprio davanti a loro. Nessuna si è accorta di me. I loro occhi e la loro testa erano concentrati su quello che facevano, il loro lavoro appunto.

fortezza di Pietro e Paolo, San Pietroburgo

Ho visto anche tantissime donne e “nonne” a tarda sera, sole, in mezzo alla strada a vendere i prodotti dell’orto. Anche in Italia ci sono, per carità, ma fanno orario di ufficio. La sera alle dieci, non le vedresti mai per strada con il banchetto della frutta. Mi ha fatto un certo effetto vedere queste “nonne”. Mi hanno commosso quei volti dolci, fieri e tondi impacchettati in vecchi e colorati foulard.

Molte donne in Russia fanno lavori pesanti. Tante donne anziane in Russia continuano a lavorare. I soldi non bastano, c’è poco da fare. La pensione è solo una burla dello Stato, così mi ha detto la guida di San Pietroburgo che a giugno ci ha accompagnati in città.

Anche i pensionati in italia non se la passano bene, ma in Russia è decisamente peggio. Gli uomini vanno in pensione a 60 anni e le donne a 55. Troppo presto per godere della pensione misera che viene elargita dallo Stato per quasi quarant’anni di contributi (in media un giovane comincia a lavorare intorno ai 22-23 anni); troppo giovani per immaginarsi su una poltrona davanti alla TV. Nessuno ce la fa a vivere con la sola pensione. A 55/60 si è ancora in buona salute e molti, nonostante i versamenti allo Stato per la pensione, continuano a lavorare per potersi mantenere.

San Pietroburgo

E le donne fanno di tutto, anche i lavori pesanti o quelli che da noi fanno esclusivamente gli uomini. Da questo punto di vista, la Russia è molto più avanti di noi che continuiamo a relegare nella nostra mente il ruolo della donna a quello del focolare o della escort (per parlare “pulito”), riservandole sempre pochi posti di lavoro e pochi ruoli importanti in attività strategiche.

San Pietroburgo

Articoli correlati:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/08/04/russia-linganno-collettivo-delle-pensioni-russia-e-forse-anche-italia/4535858/

https://www.ilsole24ore.com/art/russia-putin-rompe-tabu-stalin-in-pensione-5-anni-piu-tardi-AE42sFBG?refresh_ce=1

http://rublog.info/it/pensioni/

YOU MIGHT ALSO LIKE

2 Comments

  • Vincenzo Aliberti

    E’ molto triste vedere e sentire queste cose riguardo la situazione generale…… Ma la cosa piu’ triste e’ che si marla. Di. Donne cioe’ di chi nella vita ha il ruolo piu’importante. (se si pensa alla donna:. Manna. Moglie accuditrice. Di figli del marito. Della casa ed altro..

    Ottobre 7, 2019 - 2:41 pm Reply
    • admin

      Ciao Vincenzo, hai perfettamente ragione, concordo con te e non perché sono una donna, ma perché come dici tu, le donne non solo lavorano fuori casa, ma anche dentro casa, e continuare a lavorare anche oltre l’età pensionabile per potersi mantenere, è davvero scandaloso!

      Ottobre 7, 2019 - 9:07 pm Reply

Leave A Comment

Your email address will not be published.