Dolcezze in arrivo: La Befana incontra la Baba Jagà

La Befana incontra la baba-Jagà

Tenerezze e dolcezze sono solo alcuni degli “ingredienti” che condiscono un libro unico nel suo genere, piacevole da leggere e adatto a tutti, adulti e bambini

Chi ha detto che le streghe sono cattive?

La Befana incontra la Baba Jagà di Luigi Pomo e Yulia Osipova è un libro sorprendente, un viaggio per grandi e piccini in un mondo fantastico attraverso 13 “dolci” storie. La dolcezza infatti è il fil rouge che unisce gli straordinari racconti inventati da Luigi Pomo, tradotti da Yulia Osipova e illustrati da Olga Rhyzhyk. Protagoniste della storia sono due simboli del folklore popolare: la Befana italiana e la Baba-Jagà russa. Due streghe malvage che in realtà hanno un cuore tenero e che di comune accordo decidono di unire le forze per curare i mali del mondo e portare a tutti i bambini gioia e bontà.

Ma siamo sicuri di conoscere bene le due streghe? Della Baba-jagà sappiamo che è una strega cattiva, che è uno dei personaggi più importanti delle fiabe russe di magia, che mangia i bambini, che ostacola l’eroe nelle sue ricerche e che vive in una terribile casetta su zampe di gallina. Quello che non sappiamo però, è che in realtà la Baba-Jagà ha un cuore tenero come ci racconta Luigi Pomo, che spesso e volentieri elargisce doni (specialmente magici) e che aiuta l’eroe della fiaba nei momenti di difficoltà. E’ una vecchia burbera e scontrosa, ma la nostra Befana ha scoperto che con tanta pazienza e un po’ di “dolcezze” riuscirà a tirarla dalla sua parte.

E della Befana invece cosa sappiamo? Sappiamo che è una vecchietta testarda, un po’ meno brutta della baba-jagà forse, e con un grande cuore. Spesso viene assimilata ad una strega, in realtà è una timida nonnetta con un debole per i bambini che ricompensa con doni e dolcetti una volta l’anno. Ma non sottovalutatela! E’ testarda e determinata, e lo capirete mano a mano che andrete avanti nella lettura delle storie.

La storia

Tutto inizia con il desiderio della nostra Befana di incontrare la famosissima Baba-Jagà russa. Il mondo ha bisogno di essere salvato e, forse, due streghe potenti come loro, unendo le forze possono raggiungere lo scopo. La Befana allora, in compagnia della sua inseparabile scopina Saggia, si mette in viaggio per incontrare la famosissima regina delle foreste. Ma la Baba-jagà non ne vuole sapere e cerca in tutti i modi di ostacolarne l’ arrivo, mandandole contro i suoi devoti e terribili cavalieri.  La caparbietà e le bontà della vecchina italiana però hanno la meglio, e tutti le cedono il passo dopo aver assaggiato le sue “dolcezze”. Alla fine, con il suo modo di fare, dolce, affabile  e cortese, la Befana riesce ad arrivare indenne alla dimora della Baba-Jagà con il sostegno degli animali della foresta.

Quando le due vecchine si incontrano e iniziano a gustare le prelibatezze portate dalla Befana, la conversazione sulle sorti del mondo diventa immediatamente proficua. Le due vecchiette pianificano le azioni per portare la gioia nel cuore dei bambini e formare gli uomini del futuro. Uomini votati alla cura della natura e alla tutela delle sue bellezze. Se avete perso la nostra intervista a Luigi Pomo e Yulia Osipova e volete avere qualche informazione in più su questo fantastico libro e sulle motivazioni che hanno spinto gli autori a realizzarlo, cliccate qui.

Perché leggere La Befana incontra la Baba Jagà

Perché è un libro prezioso. Già sfogliando le prime pagine si capisce che è stato realizzato con il cuore, che è un progetto messo in piedi per il puro piacere di raccontare due mondi, promuovere la diffusione di due culture e rafforzare i legami tra l’Italia e la Russia.

Attraverso 13 dolci storie, che raccontano le avventure della Befana per arrivare alla dimora della Baba-Jagà, Luigi Pomo e Yulia Osipova ripercorrono le città d’Italia attraverso i loro dolci tipici. Per catturare l’attenzione dei suoi interlocutori infatti, la Befana tirerà dal suo sacco una serie inesauribile di” dolcezze”: babà napoletani, torroni, panettoni milanesi, pasticciotti leccesi, cannoli siciliani, veneziane e tante altre delizie nostrane.

Prendere grandi e piccini per la gola quindi, e accompagnarli in un viaggio tenero e originale, impreziosito dalle splendide illustrazioni di Olga Rhyzhyk. Attraverso i suoi disegni conosceremo i terribili cavalieri, apprezzeremo le belle tavole imbandite di bliny e dolci italiani e ricorderemo ai bambini che le nostre foreste sono abitate da animali bellissimi.

Studiare con La Befana incontra la Baba Jagà

Ma le sorprese non finiscono qui! La befana incontra Baba-jagà infatti, unisce l’utile al dilettevole. Tutte le storie inventate da Luigi Pomo sono state tradotte da Yulia Osipova per consentire agli adulti di studiare… divertendosi!. Il libro è uno strumento perfetto per tutti coloro che vogliono avvicinarsi allo studio della lingua italiana, ma è anche una buona opportunità per quanti, che, come me, vogliono ripassare il russo con un po’ più di leggerezza.

Inoltre, alla fine della storia è presente un’interessantissima sezione dedicata alle basi della grammatica italiana, suddivisa in sei capitoli: l’alfabeto, l’articolo, la preposizione, il pronome, l’avverbio e il verbo. Favole per i più piccoli quindi e testo a fronte con appendice di grammatica italiana per gli adulti!

La Befana incontra la Baba Jagà è un libro che impreziosirà la vostra biblioteca di un testo unico nel suo genere, che sono certa affascinerà i vostri piccoli e catturerà la vostra attenzione. Il libro l’ho divorato, e ora sono nella fase “studio”, leggo e traduco ad alta voce con l’aiuto del testo a fronte.

E voi? Ancora non lo avete letto? Cosa aspettate?!

Buona lettura!

YOU MIGHT ALSO LIKE

2 Comments

  • Luigi Pomo

    Grazie per la puntuale e dettagliata recensione sul nostro libro, siamo grati per avercene omaggiati.

    Settembre 1, 2020 - 1:08 pm Reply
    • admin

      Grazie a voi, lo meritate. Il libro è splendido e utilissimo. E poi io adoro le streghe e tutti i personaggi del folklore popolare. Il vostro libro mi è rimasto nel cuore! grazie

      Settembre 1, 2020 - 3:11 pm Reply

Leave A Comment

Your email address will not be published.