Oggi niente dieta! Si preparano cotolette alla Kiev!

Non che la cotoletta alla milanese sia leggera, intendiamoci, ma quando ho preparato quella alla Kiev mi sono sentita in colpa per una settimana! Cosa avrà mai di così terribile questa cotoletta? Praticamente niente, sono io che ho voluto esagerare alterando un po’ la ricetta originale.

La foto di copertina purtroppo non è mia, ma la prossima volta la posterò, giuro! La prima cosa che salta all’occhio è la forma della cotoletta, diversa da quella alla milanese. La cotoletta alla Kiev assomiglia quasi ad un supplì, ma con la punta tonda, e questo perché la carne viene arrotolata su stessa e poi fritta. Ma partiamo dall’inizio, cioè dalla ricetta russa e poi vi racconto la mia variante (se avete intenzione di farla proprio sporca sporca! 😊)

Ingredienti per due porzioni:

2 petti di pollo ben spianati

cotoletta alla Kiev

2 uova

80 gr di burro

20 gr di farina

Prezzemolo e aneto

Sale e pepe

Mettete in un frullatore il prezzemolo, l’aneto e il burro a temperatura ambiente. Frullate il tutto fino ad ottenere un composto morbido. Date al composto la forma di un piccolo panetto della grandezza di una crocchetta di patate e avvolgetelo nella pellicola trasparente. Mettete la vostra “crocchetta” nel congelatore per circa una mezz’ora. Spianante i petti di pollo con il batticarne (attenzione a non fare le fettine troppo sottili perché potrebbero rompersi) e salatele. Passata la mezz’ora, tirate dal congelatore il panetto di erbette e burro e dividetelo in due parti. Adagiate ogni pozione su una fettina di pollo e poi arrotolatela come fossero degli involtini. Fermate la carne con uno stuzzicadenti o dello spago da cucina.

cotoletta alla milanese

Sbattete le uova in una ciotola e aggiungete un pizzico d pepe. Infarinate i vostri involtini, passateli nell’uovo e poi nel pangrattato. In una padella fate scaldare l’olio e friggete i vostri involtini. Fateli rosolare bene e asciugate l’olio in eccesso con della carta assorbente dopo averli alzati dalla padella.  Servite con verdure e patatine fritte! (le verdure servono solo per dare un tocco di colore al piatto! Una pietanza così ha bisogno rigorosamente di patatine fritte come contorno e niente altro!)

Volete sapere la mia variante? prosciutto cotto e una fetta spessa di fontina da mettere al posto del composto alle erbette! Una delizia, credetemi! Un po’ pesantuccio, è vero, ma domani è un altro giorno!

Buon appetito

Foto di copertina dal testo CUCINA RUSSA, Mednij Vsadnik, San Pietroburgo

YOU MIGHT ALSO LIKE

2 Comments

  • Maryna

    IO metto solo un pezzo di burro congelato senza erbette, e poi la cotoletta pronta la metto due o tre volte nell’uovo sbattuto e nel pan grattato in modo che l’infarinatura venga più spessa. Da noi si chiamano “le cotolette alla Donbass” 🙂

    Ottobre 10, 2019 - 3:04 pm Reply
    • admin

      Maryna, mi piace molto il suggerimento per l’infarinatura spessa!😋😋 Non ci avevo mai pensato…Inoltre, ti devo dire che, a parte il prezzemolo, non amo molto le erbette, quindi mi sa che prenderò molto in considerazione i tuoi suggerimenti. Vada per le corilette alla donbass!😍 Grazie 😋😋

      Ottobre 13, 2019 - 5:32 pm Reply

Leave A Comment

Your email address will not be published.