Ricette al tempo del coronavirus: pastilà russa

Ci vuole tanto tempo per preparare la pastilà russa, perché allora non sperimentarla in questo periodo di riposo forzato?

Qualche notizia sulla pastilà russa

La pastilà russa è un dolce tradizionale della cucina russa a base di ingredienti genuini e semplici, pensate la ricetta ha solo 3 ingredienti: mele, zucchero e albume! La pastilà è un dolce antichissimo e si produceva principalmente nella città di Kolomna, a un centinaio di km da Mosca. Anche la città di Beljov, sud ovest di Mosca, era rinomata per la sua pastilà. Una variante della pastilà infatti si chiama beljovskaja pastilà, ed è quella che vi proporrò oggi.  Poiché gli ingredienti sono semplici, la pastilà può avere tantissime varianti, basta aggiungere nell’impasto ciò che preferite, anche se l’ideale è della granella di frutta secca o una composta di frutta.

La caratteristica di questo dolce sono le mele. Viene utilizzata solo la qualità Antonov, una mela tipica di queste zone, particolarmente acidula che ha un sapore simile alle nostre renette (utilizzeremo queste ovviamente 😊). Passiamo all’azione. Vi comunico che ci vogliono circa 7 ore per la preparazione 🙂 Pronti?

Ingredienti per la pastilà russa:

  • 8-10 mele renette (o anche mele verdi)
  • zucchero semolato
  • zucchero a velo
  • 1 albume d’ uovo

Preparazione della pastilà russa:

La preparazione è molto lunga come vi dicevo. Per prima cosa bisogna ammorbidire le mele nel forno e poi farne una purea. Quindi:

  • Ricoprite la teglia del forno con della carta da forno ben bagnata e leggermente strizzata
  • Tagliate le mele a metà e privatele del torsolo
  • Mettete la teglia in forno preriscaldato e infornate per 50 minuti a 180° (attenzione a non farle bruciare!
  • Quando le mele saranno ben cotte, togliete la buccia, schiacciatele con una forchetta e mettetele in una ciotolina e con un mixer fate una purea
  • Aggiungete lo zucchero alla purea ancora calda e mescolate energicamente con una frusta (o mixer)
  • Trasferite il composto in una ciotola molto più grande e mettetelo in frigo per qualche minuto, il tempo di montare a neve l’albume
  • Quando avrete montato a neve l’albume (per circa 5 minuti fino a quando non si forma una massa molto voluminosa e spumosa), aggiungetelo al composto che avete messo in frigo. Lavorate il tutto con un mixer e terminate solo quando il purè è diventato bianco e quasi il doppio del volume iniziale (perciò prima vi ho suggerito di cambiare ciotola 😉)
  • Riempite una tazza grande (quella da latte per intenderci) con il composto appena fatto e mettetela da parte in frigo. Ora dovete cuocere il vostro composto.

Seconda fase della preparazione della pastilà russa

  • Riutilizzate la teglia del forno e ricopritela di carta forno senza bagnarla. Versateci sopra il composto (che deve essere alto circa 2 cm), livellate bene il tutto con una spatola e con altra carta da forno (questa volta bagnata e strizzata!) coprite anche sopra la vostra purea
  • Fate cuocere il tutto 3-4 ore in forno a 100° lasciando il forno un po’ aperto. La purea si seccherà, diventerà consistente e si scurirà.
  • Quando la purea sarà pronta, toglietela dalla carta da forno e adagiatela su un grosso tagliere o sulla tavola
  • A questo punto tagliate con un coltello questa tavoletta di pasta in tre parti uguali
  • Recuperate la tazza di composto dal frigo e spalmatene una parte su ogni fetta, poi mettete le fette una sopra l’altra. A questo punto, dovrete ricoprire tutta la vostra pastilà con il composto restante, anche i lati quindi.
  • Ora trasferite nuovamente il tutto nella teglia da forno e lasciate asciugare il dolce in forno a max 100° per 1 ora e mezza
  • Terminato questo processo lasciate raffreddare il vostro dolce per una mezz’ora
  • Quando sarà a temperatura ambiente, con le dita, strofinate su tutta la superficie della pastilà russa lo zucchero a velo

Stanchi? Penso proprio di sì, ma ne sarà valsa la pena, ne sono sicura!

Suggerimenti:

  • vi consiglio questo video (https://www.youtube.com/watch?v=SgNnqnXCK7Q)innanzitutto per vedere come togliere la carta da forno al vostro dolce quando è pronto. Attenzione però che il procedimento utilizzato è diverso dal mio!
  •  vi segnalo inoltre il sito, per chi conosce il russo, sul Museo della Pastilà della città di Kolomna

YOU MIGHT ALSO LIKE

0 Comments

Leave A Comment

Your email address will not be published.