Non ti voglio di Marco Zenone

Non ti voglio di Marco Zenone

Il tema del diabete tipo 1 affrontato in modo leggero e ironico in Non ti voglio di Marco Zenone

Che tipo sei?

Non ti voglio di Marco Zenone edito da Effedì è una storia a tratti autobiografica che narra in tono leggero e molto ironico le vicissitudini di un ragazzo che soffre di diabete di tipo 1.

Le prime pagine vi traggono certamente in inganno, anche se questo non era affatto nelle intenzioni dell’autore. Marco Zenone, ha scelto di scrivere un romanzo perché trasportato dalla sua passione per la scrittura e la letteratura e poi… E poi niente, è andato a finire laddove era naturale che finisse, e cioè a parlare di diabete, di diabete di tipo 1, la malattia che lo accompagna dall’età di 5 anni.

Il libro si apre con una serie di personaggi grotteschi di cui Zenone descrive le vicende,  preparandoci ad una lettura leggera e spensierata. Poi, però, il proprio vissuto chiama e non vuole essere soffocato né messo da parte, e allora inevitabilmente, tra un episodio e l’ altro,  l’autore finisce a parlare di una cosa serissima. Un Giano bifronte, che da un lato ci spinge alla risata e dall’altro ci impone più di un minuto di riflessione tra un rigo e un altro. 

“ Non posso fidarmi del mio corpo.

E’ così che sono diventato invidioso delle vite altrui”

Enzo Mercano è il protagonista di Non ti voglio di Marco Zenone. E’ un tipo simpatico, non bello, ma innanzitutto un tipo, un tipo 1. Marco, infatti, proprio come l’autore, soffre fin dall’infanzia di diabete di tipo 1, una malattia cronica autoimmune

Il protagonista è innamorato cotto di Arianna, una ragazza per la quale, invece, il diabete tipo 1 è una realtà sconosciuta. Lei ignora totalmente le ansie e gli affanni che gli angosciano il quotidiano e che rendono Enzo un giovane particolarmente fragile. 

“ Ero disposto a concederle del tempo per adattarsi al mio stile di vita”

Il protagonista, però, affronta le sue insicurezze con grande resilienza e con un antidoto miracoloso: l’autoironia. Solo così Enzo riesce ad alleggerire la cappa con cui convive, rendendo comici molti aspetti della malattia, anche quelli più dolorosi.

Non ti voglio di Marco Zenone

L’autore, attraverso la storia esilarante del protagonista, vuole raccontare anche il disagio di una malattia che crea spesso un muro di incomprensioni interpersonali. 

Mi è piaciuta tantissimo la parte in cui l’autore affronta il disagio della malattia di Enzo Mercano bambino e del senso di inadeguatezza provato in molte occasioni. Così come ho trovato pungente e a tratti delicato il racconto dell’incontro del protagonista con la famiglia di Arianna, la ragazza di Enzo. E’ proprio Arianna che mette il dito nella piaga. E’ con Arianna che Marco vuole stare (anche se la ragazza non è particolarmente intelligente), ma è proprio attraverso Arianna che Enzo tocca con mano l’ignoranza e i pregiudizi nei confronti di questo tipo sconosciuto, il diabete 1. 

In realtà a pensarci bene, l’atteggiamento dei genitori di Arianna è comune a tantissime famiglie e non riguarda assolutamente solo il diabete di tipo 1, ma tutte le malattie in generale, specialmente se croniche. E’ un retaggio ancestrale che ci portiamo dietro, purtroppo, e che è comune tanto al mondo animale quanto a quello umano.  

Il libro non è assolutamente da confondere con il “diario di un diabetico”, perché l’obiettivo dell’autore fin dalle prime pagine è quello di raccontare una storia divertente che, però, ha anche dei risvolti seri su cui riflettere. 

In diversi capitoli del libro, infatti, Zenone affronta il tema del diabete di tipo 1 all’improvviso, tra un aneddoto divertente e un altro, con l’intento di informare, entrando di soppiatto nella storia per specificare alcune differenze cardini che generano confusione tra il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2. Lungi dal volere “infliggere”drammaticità alla sua storia, Zenone ha provato a raccontare il diabete di tipo 1 da un’angolazione diversa, attraverso tanta autoironia.

Sottolineo che il libro ha ottenuto l’attenzione delle principali riviste italiane di diabetologia ed è stato scelto dalla Casa Editrice Effedì per partecipare all’Independent Grand Tour 2021, una rassegna dedicata all’editoria indipendente piemontese, la cui tappa finale si è tenuta al Salone Internazionale del Libro di Torino.

Se vi ho incuriositi, vi consiglio non solo di acquistare il libro che, sono certa, vi conquisterà, ma anche di sbirciare un po’ di più ne Non ti voglio di Marco Zenone, leggendo l’intervista che ho fatto all’autore qualche tempo fa.

Se il post ti è piaciuto, metti “mi piace” sulla mia pagina facebook o “like” su questo articolo. Grazie!

Seguitemi anche su:

Instagram: https://www.instagram.com/sguardoadest/

Twitter: https://twitter.com/Sguardoadest1

Pinterest: https://www.pinterest.it/SguardoAdEst/_saved/

Linkedin: https://www.linkedin.com/in/sguardo-ad-est-blog-47545b1ab/detail/recent-activity/

Telegram: https://t.me/Sguardo_Ad_est

Facebook: https://www.facebook.com/sguardoadest

YouTube. https://www.youtube.com/channel/UCRltYIZk55MiHbw45taqHhg

0 Comments

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Translate »